Ma non era fantamercato? Mario Gomez alla Fiorentina

gomez in viola

Per riempire i mesi estivi dei calciofili non basta certo una Confederation Cup qualsiasi, peraltro snobbata fino a che non si è iniziato a giocarla.

Ogni anno 2 mesi, 2 mesi e mezzo si gioca al calcio parlato.  Le trattative di mercato delle squadre di Serie A e delle più conosciute squadre europee riempiono  i giornali sportivi e le testate web, con titoloni a tutta pagina e certezze granitiche.

Sembra che i giornali conoscano non solo parola per parola le conversazioni di direttori sportivi, procuratori e calciatori, ma riescano anche a leggere nel loro pensiero informandoci su desideri e intenzioni .

Certo capita che su un giornale sportivo il campione di turno declami tutto il suo attaccamento per l’attuale maglia, con la quale desidera ardentemente di chiudere la carriera, e sul giornale concorrente dica che il ciclo è finito, che vuole giocare la champions, che gli piace il progetto della tal squadra.

D’altra parte Cavani, Jovetic, El Shaarawy, Neymar firmano il contratto una volta sola, mentre i giornali devono vendere tutti i giorni e scuotere le speranze de itifosi continuamente.

Quindi il tifoso accetta che le trattative di calciomercato siano un po’ romanzate, che le supposizioni siano presentate come notizia certa, disposto a credere che le indiscrezioni in affari di milioni di euro esistano davvero, che la squadra neopromossa possa spendere decine di milioni tra acquisto ed ingaggio del giocatore in grado di fare la differenza.

E’ un gioco che non fa male a nessuno, di cui tutti sono a conoscenza delle regole, con cui i giornali vendono e le società tengono vivo l’interesse dei tifosi in piena campagna abbonamenti .

E ti diverti a sentire storie impobabili, come che l’attaccante principe della bundesliga, 112 gol in 172 partite, possa desiderare di giocare nella Fiorentina, che per questo litighi addirittura con Guardiola. Quella Fiorentina che basa il suo mercato su trasferimenti a costo zero, sui giovani da far crescere, che porta avanti uno stimato fair play finanziario e si batte per il tetto ingaggi, con stipendi che attirano solo giocatori in cerca di riscatto e che sono facilmente ingolositi dalle ricche offerte delle altre squadre.

E se Pradè,  d.s. viola, fa un comunicato stampa dove dice che Mario Gomez non è assolutamente alla portata delle Fiorentina, per costo della trattativa ed ingaggio richiesto dal tedesco, i giornali la riportano precisando che si tratta di pretattica, di tentativo di sviare le altre pretendenti.

Salvo poi un tweet del bayern calcio:

Mario Gomez è un giocatore dell’ A.C. Fiorentina.  Ma non era fantamercato ?

A questo punto vedremo un trio d’attacco Jovetic (non ancora ceduto) Pepito Rossi e Mario Gomez ? Con Cuadrado a desta e Ljajić a sinistra ? Questo si che è fantacalcio.




Ma non era fantamercato? Mario Gomez alla Fiorentina ultima modifica: 2013-07-08T18:37:06+00:00 da 3Pareggi admin

Mi interessa la tua opinione su questo, lascia un commento