Il calcio libero dell’Unione Europea e Rojadirecta

rojadirecta tra Rai e Sky

L’unione europea ha stabilito che le partite della nazionale ai mondiali di calcio sono un evento di interesse pubblico e come tale non possono essere trasmesse esclusivamente sulla tv a pagamento, ma devono essere liberamente visibili sulla tv di Stato .

Un intrattenimento sportivo quindi è un ‘bene’ tutelato perchè il pubblico ha diritto di assistervi, almeno virtualmente, senza limiti.

Quasi contemporaneamente veniva oscurato dall’italia il sito Rojadirecta (nei suoi vari domini), il più conosciuto sito di link di streaming sportivi, da cui si poteva accedere liberamente e gratis alla visione non solo di partite di calcio, italiane ed internazionali, ma di molti altri sport .

Quando un evento sportivo è di interesse pubblico e non può essere trasmesso esclusivamente a pagamento e quando non lo è ? Perchè l’unione europea stabilisce che devo poter vedere gratis sulla RAI un insignificante Italia – Emirati Arabi (immaginaria partita dei mondiali di calcio 2014) e invece la guardia di finanza mi impedisce di vedere online in streaming Federer – Djokovitc al prossimo torneo del grande slam ?

In base a quale classifica uno sport è più interessante di un’altro ?

Perchè non posso vedere online in streaming il torneo di badminton inglese, se nessuna tv italiana ne detiene i diritti ? Non è leso in questo caso il mio interesse ?

Sia chiaro che io riconosco il diritto delle Pay Tv e della Lega calcio di difendere i loro interessi, che un evento organizzato da una organizzazione privata possa essere visibile solo al pubblico pagante, che sia allo stadio o davanti alla tv .

Solo che poi questo diritto viene disconosciuto dall’autorità stessa, dall’unione europea, che sancisce un principio, alimentando però i dubbi sopra descritti .

Comunque la notizia della chiusura di Rojadirecta non ha allarmato nessuno dei patiti dello streaming. Semplicemente viene affrontato il problema con un approccio vecchio e non adeguato ai tempi digitali. Non puoi chiudere un accesso ad una casa che ha porte infinite.

Rojadirecta è chiuso dall’italia, ma basta giocare un po’ con i DNS per accedervi comunque.

Rojadirecta stessa, come è già successo in passato, verrà replicato sotto altra forma, identica a se stessa meno che nel link bloccato.

E comunque le alternative sono tante, troppe per essere bloccate tutte.

Non c’è stato nessun duro colpo allo streaming come hanno titolato i giornali. Più duro forse il colpo economico inferto a Sky, detentore dei diritti dei mondiali di calcio per l’Italia.




Il calcio libero dell’Unione Europea e Rojadirecta ultima modifica: 2013-07-25T22:52:10+00:00 da 3Pareggi admin

Mi interessa la tua opinione su questo, lascia un commento