Milan bilancio a rischio e non vengono concesse le fideiussioni per gli acquisti Bonucci e Biglia

La società rossonera si dice molto tranquilla e che non ci saranno problemi a risolvere la questione entro il termine dell’ 11 agosto, ma intanto la bomba sportiva è stata lanciata ieri: Banco BPM ha respinto la richiesta di garanzie fideiussorie per gli acquisti del Milan, per cui i contratti di Leonardo Bonucci e Lucas Biglia non sono ancora registrati.

La campagna acquisti del Milan è stata faraonica finora, però non tutti vedono chiaro nella situazione finanziaria del club.

Facciamo un passo indietro, alla cessione del Milan calcio alla attuale società, per cui tra un rimando del closing e l’altro la Rossoneri Sport ha richiesto un prestito da 303 milioni di euro al fondo Elliott per chiudere l’acquisto del Milan, da restituire in 18 mesi al tasso di interesse del 7,7% (altre fonti riferiscono addirittura di un tasso di interesse del 11,5%).

Quindi la nuova società di Milano nasce subito con un debito non indifferente, da restituire a breve termine ed ad interessi molto alti.

Per questo Pallotta, proprietaro della Roma, pochi giorni fa, ha esternato i dubbi di molti sul mercato del Milan: “Non ho idea di cosa stia succedendo, non ha senso. Non hanno i soldi in primo luogo per comprare la squadra, visto che hanno preso 300 milioni in prestito da persone che conosco a Londra, a un interesse piuttosto alto”. “Sono così sconvolto alla Uefa, è uno scherzo, è pazzia, non ha senso. Non hanno i soldi per un mercato da 200 milioni di euro“. Il club rossonero sta “spendendo, o almeno facendo importanti anticipi, per giocatori”, una scelta azzardata le cui conseguenze verranno ben presto pagate.”

Dubbi espressi a mezza voce anche da molti altri, ma il Milan va avanti con il suo mercato, si dichiara tranquillo e spende per fare una squadra da Champions.

Fassone garantisce sul bilancio del Milan

Il Milan, come tutte le società, deve dare garanzie economiche alla Federazione: in particolare se il saldo cessioni-acquisti con altri club italiani è negativo, deve versare entro l’11 agosto il 20% della rata relativa al 2017-18 e dare garanzie (fideiussioni) per il resto della somma. In caso di impegni ufficiali prima dell’11 agosto (come accade al Milan con l’Europa League), bisogna fornire le fideiussioni in anticipo se si vuole mandare in campo un calciatore acquistato da un altro club italiano.

Intanto Bonucci e Biglia non sono scesi in campo nei preliminari, perché i loro contratti non sono stati ancora regolarizzati.

Infatti il Milan ha chiesto la fideiussione a BPM, tra l’altro loro sponsor, ma  la banca ha rifiutato di emettere garanzie.
La Banca avrebbe detto di non poter concedere alcuna fideiussione, viste le condizioni attuali del bilancio rossonero. E avrebbe specificato di non poter fare altrimenti, se si vogliono seguire le regole del sistema creditizio.

Il problema dei rossoneri è che quasi tutti i loro beni sono attualmente in garanzia per il prestito concesso dal fondo Elliott Management, quello che ha finanziato l’acquisizione con il prestito da 300 milioni, compresi i diritti di proprietà intellettuale, vale a dire i marchi, i soldi televisivi della prossima stagione e il 100% della società Milano Entertainment Srl.

Il Banco BPM ha quindi informato il club che deve rimuovere alcuni di questi beni dall’agenzia Elliott e rivolgerli a BPM o trovare una banca internazionale per fornire garanzie, nel rispetto dei requisiti richiesti dalla Federcalcio (la polizza fideiussoria assicurativa deve essere emessa da impresa di
assicurazione iscritta nell’Albo IVASS, autorizzata all’esercizio del ramo 15 (cauzioni) di cui
all’art. 2, comma 3 del Codice delle assicurazioni private, ed avente la stessa impresa di
assicurazione o la sua controllante o la sua impresa di riassicurazione, un rating A3 se accertato
dalla Moody’s, o A- se accertato da Standards & Poor’s, ovvero “Good” se accertato dall’Agenzia
A.M. Best Rating o rating di pari valore se accertato da altre Agenzie globali. COMUNICATO UFFICIALE N. 175 / A della FIGC).

La mancata deposizione delle obbligazioni non significa che Bonucci e Biglia torneranno ai loro precedenti club, alla Juventus e al Lazio, ma non possono giocare finché la situazione non viene risolta.

Milan bilancio a rischio e non vengono concesse le fideiussioni per gli acquisti Bonucci e Biglia ultima modifica: 2017-08-04T10:10:07+00:00 da 3Pareggi admin

Mi interessa la tua opinione su questo, lascia un commento